Costo carburanti in Sicilia

Onorevoli parlamentari,
vi scrivo a proposito del costo dei carburanti in Sicilia. In particolare riferendomi al fatto assodato che in Sicilia ci sono quattro raffinerie, fatto unico in Italia.
Carburanti sicilia

Carburanti sicilia

Passo ai dati.
Non avendo modo di verificare il costo dei carburanti nelle regioni diverse dalla nostra, ho utilizzato il sito http://www.prezzibenzina.it/. Tuttavia dalla mie esperienza, e se mai siete stati ad un pompa, ben sapete che la realtà è diversa. Oggi una mia cugina ha postato una foto su Facebook dove compariva il costo del gasolio a 1,323 a Bologna mentre mi ritengo fortunatissimo se riesco a farlo a 1,60 a Palermo.
In Italia ci sono 19 raffinerie di cui 17 sono attive. Sono in Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto. (fonte Wikipedia). Di queste 17, in Sicilia ce ne sono 4 (quattro), 3 in Lombardia, 2 in Emilia Romagna e 1 nel resto delle regioni.
Facendo il rapporto tra raffinerie e numero di abitanti (fonte Wikipedia) risulta che in Sicilia c’è una raffineria ogni 1.248.752 di abitanti mentre lo stesso rapporto per la Lombardia è 1 a 3.253.070, senza contare il fatto che si sono più attività produttive in Lombardia che in Sicilia.
Ora, logica vorrebbe che se in un territorio abbiamo 4 raffinerie, i costi di trasmissione siano minimi – Augusta serve Catania e Siracusa, Gela e Porto Empedocle tutta il centro sud, Milazzo serve Palermo, Messina ed il centro nord.
Sarebbe molto interessante sapere come mai il costo medio del carburante in Sicilia è così alto.
Subire tanti disagi ecologici e di salute non porta beneficio neppure all’unica cosa che dovrebbe: il costo. Vi rammento, ma sono certo che lo sapete, che le raffinerie, come attività in se, non impiega un alto numero di manodopera poiché i sistemi sono in massima parte automatizzati. Per cui non solo subiamo il disaggio della raffineria, di non avere un basso costo del prodotto ma neppure portano grandi benefici a livello occupazionale (come per esempio lo è l’Ilva a Taranto).
Se non avete una risposta da dare a me direttamente, vi prego di portare in parlamento una questione non indifferente per l’economia della nostra isola.
Grazie per l’attenzione,
Angelo Chiello
Allego file Excel con i dati.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...