Operatori telecom

Dicono che in Italia ci sia più di un operatore di telefonia.
Non è vero.
Ce n’è uno solo e si chiama come tutti sappiamo Telecom Italia.
Quando mi sono sposato ho aperto una linea nuova con Infostrada, prendendo un numero di Infostrada. Lo scorso anno ho deciso di passare a Fastweb. Ma questa, al contrario di quello che il nome stesso dice, non era per nulla “fast” era molto “slow”, così decido di tornare ad Infostrada.
Faccio il passaggio ma non sento nessuno di Infostrada per un po’. Li chiamo io, tutti i venerdì della settimana, per 2 mesi. Mi dicono sempre che è questione di poco, “ora facciamo la pratica di escalation”, “non si preoccupi ci penso io”, “richiami tra poco che di certo le dico quando avviene il passaggio”. Se non ché mando un fax che dice che se non mi attivano entro venerdì scorso non intendo più passare ad Infostrada. Ovvio che non sento nessuno, così venerdì chiamo e l’operatore mi dice che “non ci sono risorse e non può fare la migrazione”. Cioè scopro solo il 25 febbraio (dal 17 dicembre) che Infostrada si è accorta che non avevano risorse.
Decido che non c’è altra soluzione che passare a Telecom Italia.
Li chiamo e scopro che non posso migrare il mio numero perché non-Telecom. Me ne frego e prendo un nuovo numero. Mi faccio abbuonare i 96 euro di attivazione.
Oggi sto usando la nuova linea con il nuovo numero.
Se volete un consiglio: gli operatori non vi devono stare simpatici, non è George Clooney che mi attacca la linea né Fiorello che mi risolve i problemi.
Telecom Italia sarà pure più caro ma in 4 giorni (week end in mezzo) ho la mia linea.

Annunci