Orticello

Ieri sera ho visto la puntata di Ottoemezzo in onda su La7 (la puntata sarà presto disponibile su questo link).

Il tema era l’integrazione dei bambini con origini non italiane nella scuola e indirettamente sulla decisione di prevedere le quote per i bambini extracomunitari nelle classi.

C’era un tipo del Moige che sosteneva che fosse il 20, il 30 o il 40 percento ma era fondamentale che ci fosse una quota affinché questi bambini extracomunitari si potessero integrare, imparare le nostre tradizioni e la nostra cultura, rispettandola e seguendola perché, sosteneva, “sono loro a venire da noi”. Poi faceva un distinguo tra i bambini figli di extracomunitari e i bambini figli di italiani dati in adozione dall’estero perché non era la stessa cosa.

Cosa abbiamo di così prezioso che vogliamo difendere a tutti i costi nel nostro orticello? Quale è questa cultura a cui questo tizio si riferiva? Dov’è questo amore per la Patria che questo tizio vedeva di fondamentale importanza e da difendere a qualunque costo finanche ghettizzare e indottrinare i bambini.

Non mi sembra che i fenici si siano chiusi nel loro orticello. Gli antichi  greci neppure. Il grande impero romano ha sì conquistato tutta l’Europa ma portando anche cultura e sostenendo l’integrazione tra tutti. I nostri artisti del rinascimento non sono stati fermi ad una corte ma hanno esportato il loro sapere nel mondo accolti come dei in Terra. Gli inglesi durante le colonizzazioni hanno costruito un qualcosa che dura fino ai giorni nostri e Londra è una città non multi-razziale bensì multi-culturale dove ognuno porta la propria cultura e la condivide con tutti gli altri. Ed in fine, non mi pare che il Paese più potente al mondo sia un Paese chiuso: gli Stati Uniti d’America hanno per tradizione accolto tutti; ne hanno fatto un punto d’orgoglio e di forza.

Preferirei mandare mio figlio in una classe con bambini provenienti per cultura da tutte le parti e dove lui è l’unico italiano piuttosto che il contrario. Parliamo di globalizzazione e di cittadini del Mondo. Gli aerei hanno fatto il Mondo piccolo. Mio figlio ha il dovere di sapere che al di fuori del proprio orticello esistono persone diverse da lui, deve conoscere chi sono, cosa fanno, di cosa sono capaci.

Conoscere gli altri, averne non solo mera contezza sulla loro esistenza ma conoscerne profondamente la cultura ed i modi di fare, sarà fondamentale in futuro dove la lotta per la sopravvivenza sarà globale. Chiuderci nel nostro orticello farà di noi dei colonizzati e ci farà perdere identità ovvero quello di cui ha paura il tipo del moige che invece vuole chiudere.

Chiudere non ha mai portato lontano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...